TITOLO II° RISORSE ED ATTIVITÀ ECONOMICHE

  • Art. 5

    Patrimonio

    Il patrimonio dell’Associazione è formato:

    • dalle entrate che sono costituite come segue:
    (a) dalle quote sociali annuali ed eventuali contributi volontari degli associati che potranno essere richiesti in relazione alle necessità ed al funzionamento dell'associazione;
    (b) da contributi di organismi internazionali, derivanti dalla Stato, amministrazioni pubbliche, enti locali, istituti di credito, enti in genere ed altre persone fisiche e giuridiche;
    (c) da eventuali erogazioni, sovvenzioni, donazioni e lasciti di terzi o di associati, accettate dal Comitato Direttivo che delibera sulla loro utilizzazione, in armonia con le finalità statutarie dell'associazione; in particolare: 1) i lasciti testamentari sono accettati con beneficio d'inventario, previa deliberazione del Comitato Direttivo, dal Presidente, il quale compie i relativi atti giuridici; 2) le convenzioni sono accettate con delibera del Comitato Direttivo che autorizza il Presidente a compiere tutti gli atti necessari per la stipula;
    (d) da eventuali entrate per servizi prestati con convenzioni e da attività commerciali e produttive marginali svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al proprio autofinanziamento;

    • dai beni dell'associazione, siano essi mobili, immobili e mobili registrati.
    I beni immobili ed i beni mobili registrati possono essere acquistati dall'associazione e sono ad essa intestati
    Tutti i beni appartenenti all'associazione sono elencati in apposito inventario, depositato presso la sede dell'associazione e consultabile da tutti gli aderenti.

  • Art. 6

    Durata del periodo di contribuzione

    I contributi annuali devono essere versati, in unica soluzione, entro il mese di giugno di ogni anno. L'importo relativo viene stabilito annualmente dall'Assemblea. Le quote sociali dei nuovi soci sono dovute per tutto l'anno in corso, qualunque sia il momento dell'avvenuta iscrizione. L'aderente dimissionario o che comunque cessa di far parte dell'associazione è tenuto al pagamento del contributo sociale per tutto l'anno sociale in corso.

  • Art. 7

    Diritti degli associati sul Patrimonio Sociale

    Gli utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale non verranno distribuiti. neanche in modo indiretto, durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o distribuzione non siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni di volontariato che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura. Essi dovranno essere impiegati esclusivamente per la realizzazione delle attività di cui all'art. 4.

  • Art. 8

    Responsabilità ed assicurazione

    La RANGINSI risponde solo degli impegni contratti a suo nome dagli organi statutari competenti e nessuno degli aderenti può per questi essere ritenuto individualmente responsabile.
    Gli aderenti all’ associazione che svolgono attività di volontariato sono assicurati per malattie, infortunio e per la responsabilità civile verso i terzi.
    L'associazione risponde, con i propri beni, dei danni causati per l'inosservanza convenzioni o contratti stipulati.
    L'associazione, previa delibera del Comitato esecutivo, può assicurarsi per i danni derivanti da responsabilità contrattuale ed extracontrattuale dell'organizzazione stessa.

Pagina 2 di 6